Training, suggerimenti per principianti assoluti

mercoledì, 22 luglio 2020

Training, suggerimenti per principianti assoluti

Chi si allena regolarmente sa quanto è stato faticoso all'inizio. La vera sfida, quando si inizia a fare training, è mantenere la costanza e allenarsi anche quando non se ne ha voglia. Non preoccuparti, questo stato non dura per sempre: ad un certo punto l'allenamento diventerà un'abitudine e una parte integrante della tua vita, per cui non sorgerà più la domanda se sei motivato, ma dovrai semplicemente allenarti, perché... è così che fai sempre!

Quando si raggiunge finalmente questo punto? Dipende da persona a persona. La scienza ci dice che ci vogliono dai 18 ai 254 giorni prima che si stabilisca un'abitudine. Quindi, nel peggiore dei casi, dovrai tenere duro per poco più di otto mesi, prima che l'allenamento diventi una vera consuetudine nella tua vita quotidiana.

Tuttavia, è molto probabile che questo processo sia molto più veloce. Per fare in modo che sia proprio così, ci sono dei piccoli accorgimenti che magari possono aiutare i principianti ad iniziare questo percorso in modo più facile. Vediamone alcuni!

Stabilisci degli obiettivi

Per iniziare, è bene stabilire un obiettivo. Questo deve essere sì impegnativo, ma raggiungibile. La cosa migliore è stabilire anche una data fissa, un appuntamento, come ad esempio correre una maratona. Avere un obiettivo preciso è più motivante e aiuta a mantenere la concentrazione.

Allenati alla fatica

L'allenamento all'inizio è molto faticoso e, talvolta, addirittura sgradevole. Ciò accade perché abbiamo bisogno di un periodo di adattamento. Il nostro corpo si abitua progressivamente allo sforzo e, allo stesso tempo, anche la nostra mente viene modellata. Più ci si allena, quindi più spesso si esce dalla propria comfort zone, più si cresce diventando una versione migliore di se stessi.

Stabilisci piccoli obiettivi intermedi

È bello avere un grande obiettivo, ma allo stesso tempo potrebbe anche essere intimidatorio. La paura di non farcela, pensando all'obiettivo finale, è sempre in agguato. Per fare in modo di non gettare la spugna, è importante mantenere la motivazione e monitorare regolarmente i propri progressi. Per fare questo può aiutare fissare degli obiettivi intermedi relativamente facili da raggiungere. Tornando all'esempio della maratona, invece di avere in testa l'idea della maratona intera, inizia con l'obiettivo di correre cinque chilometri di fila. Una volta raggiunto questo traguardo, fai il passo successivo: dieci chilometri, oppure sette. Ascolta sempre il tuo corpo e la tua mente. Se c'è qualche tipo di resistenza, scegli un obiettivo intermedio meno ambizioso e procedi verso la tua meta un passo alla volta.

La varietà aiuta

Indipendentemente dal tipo di allenamento che fai, ad un certo punto si innesta un meccanismo di routine che potrebbe intaccare la motivazione. Ecco perché è importante la varietà. È consigliabile modificare regolarmente il piano di allenamento in modo da avere sempre nuovi stimoli. Se si pratica un allenamento di forza, questo è relativamente facile: basta cambiare il tipo di esercizio. Nella corsa si può provare, per esempio, ad includere dei brevi sprint e alternarli alla corsa di resistenza.

Controllo medico

Se non si è stati fisicamente attivi per molto tempo, è bene consultare un medico prima di iniziare qualsiasi tipo di allenamento intensivo. Ciò è particolarmente importante per gli uomini sopra i 45 e le donne sopra i 55 anni. Bisogna assolutamente informare il medico se si hanno eventuali problemi di salute e discutere con lui se lo sport che si desidera praticare sia quello ottimale o se ci siano alternative migliori.

Calma e costanza

È importante iniziare ad allenarsi con gradualità e non esagerare. Prima di tutto, il rischio di infortunio è estremamente alto, perché si fanno movimenti con cui non si ha familiarità. Inoltre la motivazione svanisce immediatamente se dopo l'allenamento si è più morti che vivi!

Attenzione alla dieta

Il movimento fisico stimola il metabolismo e ci fa bruciare più calorie. Quindi assicurarti di avere abbastanza energia e presta attenzione a ciò che mangi. È importante seguire una dieta equilibrata e non mangiare troppo. In linea generale, i carboidrati sono una buona fonte di energia prima dell'allenamento, le proteine vanno bene dopo.

Bevi, bevi, bevi

Ricordati di assumere liquidi a sufficienza durante tutta la giornata. L'acqua o il tè non zuccherato sono l'ideale. Non sono necessarie bevande elettrolitiche speciali, a meno che non ti alleni per tempi molto prolungati. Assumere una quantità insufficiente di liquidi può causare crampi e colpi di calore, quindi l'idratazione è fondamentale.

Allenamento di forza o resistenza? Tutti e due!

È meglio alternare allenamenti di forza e resistenza, ad esempio due allenamenti di forza e uno di resistenza alla settimana e fare l'opposto la settimana successiva. Questa sarebbe la soluzione ottimale. Se ciò non è possibile, meglio comunque anche solo un allenamento a settimane che niente!

Scegli l'attrezzatura giusta

Ogni esercizio richiede la giusta attrezzatura. Allenarsi con gli attrezzi sbagliati potrebbe essere non solo meno divertente, ma anche meno efficace. Ciò non significa che ora devi andare a comprare il meglio del meglio che ci sia sul mercato, ma è bene comunque avere l'attrezzatura giusta per lo sport che hai scelto di praticare. Eventualmente puoi farti consigliare da un esperto su quale sia l'attrezzatura adatta.

Attenzione alla tecnica

Indipendentemente dallo sport che inizi a praticare, bisogna sempre prestare attenzione alla giusta tecnica. La cosa ottimale è avere un allenatore che possa spiegarti ed insegnarti la tecnica corretta per ogni esercizio. Ciò è importante per massimizzare l'efficacia dell'allenamento e, soprattutto, per ridurre la probabilità di lesioni.

Non resta che iniziare ad allenarti... quindi ti auguriamo buon divertimento e in bocca al lupo!