VitalAbo.it

Pandemia da inattività

mercoledì, 31 agosto 2016

Pandemia da inattività

L'inattività fisica è spesso definita alla stessa stregua del "vizio di fumare". Ma è vero?L'ozio è davvero così dannoso?

Recentemente sono stati pubblicati dei risultati al riguardo. I ricercatori hanno analizzato i risultati di 16 studi su un totale di un milione di persone. Gli esiti fanno veramente riflettere: analizziamoli insieme: 

Gli effetti nocivi dell'inattività fisica

L'inattività fisica, se prolungata nel tempo, può dare effetti negativi proprio come il fumo. Il rischio di diabete aumenta e si è più predisposti a malattie cardiache e alcuni tipi di tumore.

L'aumento dell' inattività

La mancanza di esercizio fisico è in aumento in tutto il mondo. Statisticamente, stiamo in posizione seduta per il 50-70% di una giornata.

Questo non è sorprendente. In tempi di crescente automazione, i posti di lavoro in cui ci si può muovere sono sempre meno perchè sostituiti da attività sedentarie. La televisione e la mancanza di entusiasmo per lo sport, concludono questo cerchio. Non c'è da stupirsi, dunque, che nella nostra società, una delle maggiori cause di assenza dal lavoro per malattia, è il mal di schiena.

Quali sono le raccomandazioni?

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di praticare esercizio fisico almeno per due ore e mezzo alla settimana. Ma questo è davvero sufficiente? Nuovi studi sono arrivati a conclusioni diverse. Due ore e mezzo a settimana non bastano ed è consigliata un'ora di esercizio fisico al giorno. Questo tempo consetirebbe di compensare gli effetti negativi di otto ore giornaliere di inattività.

Il movimento non è sport

Tutti coloro che fino ad ora si sono lamentati di non avere tempo per un'ora di esercizio al giorno, possono stare tranquilli. Stiamo infatti parlando di movimento e non necessariamente di sport. È sufficiente camminare a passo svelto, praticare giardinaggio o andare in bicicletta. Fate una passeggiata durante la pausa pranzo, rinunciate all'ascensore e fate le scale a piedi, anzichè prendere l'autobus per andare al lavoro, andate in bicicletta o a piedi. Anziché farti portare il caffé dal collega, prova ad alzarti, andare in cucina, prepararlo, fare un giro per l'ufficio e tornare al posto, per evitare ore sedentarie prolungate. Questi accorgimenti possono essere di grande aiuto nella vita quotidiana. Un'ora di esercizio fisico al giorno non è utopia, anche tanti piccoli movimenti si possono sommare sino a raggiungere i 60 minuti.

Con questi semplici accorgimenti si può rimanere in buona salute.

“Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”

Ippocrate